|REVIEW PARTY| Un piccolo odio - Joe Abercrombie

dicembre 12, 2019











Savine dan Glokta è la figlia dell'uomo più odiato del regno, l'Arcilettore, a sua volta pronta a diventare la serpe più velenosa degli affari e delle industrie, se questo le garantirà un primato in un mondo in cui sembrano comandare solo gli uomini. Leo dan Brock, il Giovane Leone, attende di essere nominato Lord Governatore per respingere le aggressioni di Crepuscolo il Possente e dei suoi uomini del Nord, ma imparerà che le leggende degli eroi nascondono molte zone oscure, fatte di tradimenti e compromessi. Vick si è unita agli Spezzatori che intendono difendere i lavoratori dalle misure rapaci dei padroni, ma nasconde una decisione presa anni fa, nei gelidi campi di prigionia. Grosso è un veterano di guerra che vorrebbe dimenticare gli orrori degli assedi e la forza micidiale che si annida nelle sue mani tatuate, ma passato e violenza non sono mai troppo lontani. Il vecchio Trifoglio vorrebbe solo starsene seduto a insegnare un po' di arte della spada, ma sarà costretto ad accompagnare e consigliare un manipolo di giovani che lo irridono, e non conoscono la belva che è stato e può ancora essere. Il Principe Coronato Orso deve decidere se sprofondare definitivamente sotto le droghe, le cortigiane e il vino, oppure se mettere la sua intelligenza a servizio d'un sogno più grande, per sé e tutto il reame. I loro cammini si incroceranno e affronteranno una nuova età di tecnologia, potere economico, barbarie e follia, insurrezioni popolari e congiure di palazzo, duelli brutali nel Cerchio di scudi e il ritorno della magia. Sì, perché, se antichi stregoni decidono di allearsi con banchieri e ingegneri, al Nord invece la giovane Rikke scopre di possedere un dono invidiato e maledetto, la Vista Profonda, la capacità di vedere le ombre del passato e gli spettri del futuro. E come deciderà di impiegarla determinerà il destino di tutti. Joe Abercrombie torna al mondo della "Prima Legge" con una saga ambientata alcuni decenni dopo la prima. Vecchi protagonisti cedono il passo a una nuova generazione che si addentra in un mondo ancora più realistico, ironico, brutale e commovente, che riflette e amplifica i drammi della politica attuale. 





















Se hai perso le recensioni dedicate alla trilogia de "La prima legge" clicca qui qui e qui!




Ambientato quasi trent'anni dopo la conclusione degli avvenimenti della trilogia de La prima legge, Abercrombie ci mostra la nuova generazione che si scontra con la precedente in uno scontro senza pari.


Sebbene il mondo sia sempre quello dei precedenti romanzi, si fa fatica inizialmente a riconoscerlo, complici i personaggi nuovi che si muoveranno in un mondo diverso da quello che avevamo lasciato tre decenni prima.
La magia è quasi sparita del tutto e adesso è la tecnologia che domina le terre del Mondo Circolare, oltre che il denaro - un'aspra critica alla società odierna e alla storia che, con la sua rivoluzione industriale, ci ha mostrato gli effetti del capitalismo monopolistico.
Ma in questo mondo sono destinati ad intrecciarsi, tra gli altri, le vite e le vicende di Savine da Glotka (figlia dell'Inquisitore ed Arcilettore di Adua), Reeka (figlia di Mastino e che possiede la Vista Profonda), il Principe Coronato Orso (figlio di Jezal) e Leo dan Brock che, ognuno a modo suo, deve fare i conti con il proprio passato per raggiungere gli obiettivi prefissati e rendere il mondo un posto migliore in cui vivere.


Come sempre, il marchio distintivo di Joe Abercrombie è sempre quello di ipercaratterizzare alla perfezione personaggi - vecchi e nuovi - che risultano essere carismatici, manipolatori, cinici, intraprendenti, ambiziosi e perfettamente credibili che scavano a fondo nell'animo umano. Senza dimenticarci della sua penna affilata e cruda che si destreggia agilmente tra intrighi socio-politici, tradimenti duelli e battaglie.


Un piccolo odio è, dunque, un romanzo che affascina come solo Abercrombie sa fare e che, nonostante sia più introduttivo, getta le basi per un'altra indimenticabile trilogia grimdark che ha come tema principale il perenne mutamento della società e dei suoi componenti.





Recensione a cura di:








Non perdere nessun aggiornamento sui prossimi post:









Si ringrazia la CE Mondadori per l'invio del libro digitale





You Might Also Like

2 Comments

Mi piace sapere cosa ne pensano i miei lettori <3

Vi aspetto nei commenti ;)

NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Seguimi su Facebook

creative commons

About Me

Facebook