blog

|RECENSIONE| Fallen Saga - Lauren Kate

giugno 22, 2012



A quanto pare, sono la prima a scrivere di Rapture..


Cari amici,
Come state? 
Io una favola..stamattina ho terminato le 400 e passa pagine di Rapture e, finalmente, ho finito la storia d'amore più bella e complicata uscita nelle librerie negli ultimi decenni.

Non so quanto ho aspettato questo libro..
E l'uscita di Fallen in love e Princess (che nome assurdo hanno dato a questo libro..non gli piaceva quello originale??) non hanno fatto altro che lenire, giusto un po', l'attesa.

Quello che Lauren Kate è riuscita a fare con Angeli, Demoni, Nephilim & Co. è straordinario: ha coniugato alla perfezione tutti gli elementi sacri per scrivere di una bellissima storia d'amore che non ha pari.

Quello di Daniel e Luce è davvero Amore. 

- Trama -

Il cammino verso la consapevolezza di Lucinda Price, chiamata da tutti Luce, comincia in Fallen.
Questa diciassettenne palesemente disturbata, che vede ombre, è in cura da uno psichiatra ed ha scatenato un rogo spontaneo uccidendo, misteriosamente, il suo amico, viene condotta dai suoi genitori, come unica speranza di guarigione, alla Sword & Cross, una "scuola" per ragazzi un po' pazzoidi.
Qui conosce il bellissimo e fascinoso Cam, la bionda Gabbe, la stronza Molly, Roland l'organizzatore di eventi, Arriane (il personaggio più controverso, come scopriamo in Fallen in Love) e, quell'enigmatico Daniel che, quando la vede per la prima volta, le alza pure il medio..
Naturalmente, Luce, come tutte le ragazze di dotate di buonsenso e di occhi che funzionano, è attratta sia da Cam che da Daniel. 
E mentre Daniel la tiene a distanza per motivi a lei ignoti, Cam invece ci prova spudoratamente.

Luce, per metà libro, non farà altro che dirsi "ma mi piace Cam o Daniel?". 
Poi, misteriosamente, Cam palesa il suo vero comportamento, ovvero litigioso stronzone affascinante attaccabrighe che rifiuta le regole, e Daniel comincia a calcolarla.

Da li, comincia l'odissea: Si scopre che tutti questi soggetti sono Angeli Caduti, alcuni sono dalla parte di Dio, altri dalla parte di Lucifero. Altri, come Daniel, non hanno nemmeno scelto da che parte stare. La villain di questo libro è l'insospettabile bibliotecaria che non ci penserà due volte ad uccidere innocenti, appiccare roghi e rompere le balle ai nostri eroi. Ma è quando Daniel bacia Luce che abbiamo una sola consapevolezza: lei non è morta e la coppia è maledetta..
Da cosa? Perchè? Non c'è dato a sapersi..

In Torment, Daniel è deciso a chiudere Luce alla Shoreline, una scuola per Nephilim (ragazzi nati da angeli ed umani). Ovviamente è per proteggerla, ma siccome lui è un po' restio a darle informazioni su quello che è accaduto e continua ad accadere, la ragazza comincia ad odiarlo. Hanno una bella lite, come tutti gli innamorati, e si lasciano. Va beh, mica per molto! Nel frattempo, Luce fa amicizia con Miles e Shelby, due Nephilim che, molto allegramente, lasceranno un segno nella nostra storia: lui bacia Luce sul tetto della scuola, e lei la odia per via dell'amore che prova per Daniel (gelosetta, eh?). 
Ma tranquilli: di fronte all'amore dei due protagonisti questi due Nephilim accetteranno di essere solo buoni amici della coppia e nulla più (del resto, in Fallen in Love, si metteranno anche insieme!).
La faccenda diventa interessante quando Luce viene a sapere che le ombre che vede non sono altro che Annunziatori, delle finestre sul passato in cui puoi viaggiare e conoscere molte cose..

Ecco dove inizia Passion: Luce s'infila dentro l'Annunziatore per scoprire di più su di lei e Daniel.
Verrà aiutata da Bill, un' enigmatica gargouille di pietra che l'aiuterà ad entrare nelle sue vecchie incarnazioni. Ma, mentre Luce viaggia in più di 5000 anni di storie d'amore ed in tutti i luoghi (e tutti i laghi.. :D ) del mondo, Daniel è, insieme a Shelby e Miles, alla ricerca della sua amata perchè teme si possa perdere nel passato. In questo libro non c'è granchè trama, dato che i due innamorati si ribeccano solo alla fine..Ma scopriremo qualcosa di interessante su Cam e sulla maledizione..almeno!!















Naturalmente, in Rapture, dopo che gli innamorati si sono ritrovati e Luce ha capito, finalmente, che Daniel le nasconde particolari della loro vita perchè la ama e non vuole che muoia, devono lottare contro il tempo e l'ira di Lucifero che, lanciando un Annunziatore durante la Caduta, minaccia di far scomparire tutto per evitare che si facciano le scelte che non sono convenute a lui. Cosi si ritrovano a cercare tre reliquie per trovare il luogo esatto della Caduta ed evitare che i piani di Lucifero si avverino..Nuove consapevolezze, tante perdite e tanto shock per alcuni ricordi di Luce che, finalmente, spiegheranno bene in cosa consiste sta benedetta maledizione (passatemi i termini!) e per quale motivo si è arrivati a tutto questo.

Ma non vado oltre..


Oh, che sbadata! Non ho parlato di Fallen in love: ideato per collocarsi tra Passion e Rapture, racconta di storie concatenate tra loro che accadono giusto il giorno di S.Valentino nel medioevo, con protagonisti Shelby e Miles, Roland e la donna che amava, Arriane e la sua innamorata (!) e, naturalmente, Daniel e Lucinda. Un libro carino davvero, tenero e moooolto dolce. 







- Commento -

Questa saga mi è piaciuta abbastanza. Non mi è molto chiaro il rapporto che c'è tra Luce e Cam, ma una cosa è certa: i colpi di scena che ci sono nell'ultimo libro vi lasceranno a bocca aperta. 
Le domande che vi siete posti avranno una risposta. Finalmente.

E, il vero amore..Beh, è per sempre. 
Mi è piaciuta la fine. Forse un po' scontata per alcuni (come ho letto in alcuni forum dedicati che molti hanno pensato a questo finale) ma per me è stata una sorpresa. Di certo non mi illudevo molto che lei non avesse nulla a che fare con Lucifero, ma il contenuto del libro mi ha lasciato basita. Mi è dispiaciuto molto per Gabbe e Molly, sacrificatesi per un fine più alto: riuscire nel piano ed eliminare la maledizione che affligge Luce e Daniel..
Ovviamente, il finale non lo posso scrivere, essendo uscito da poco..

Perchè l'amore, come la speranza, è l'unica cosa che conta in questa vita. 
In nome dell'amore sono stati commessi errori e dette bugie. 
Per "amore". 
Ma l'amore vero non ti soffoca e non ti rende schiavo. 
L'amore ti libera e ti completa. 

Ed anche gli angeli possono amare, anche di più della semplice adorazione. 

Davvero una gran bella saga. Mi è piaciuto come Lauren Kate abbia scelto di chiudere la storia.
Unico neo è che non si sa dove sia Cam..

Per il resto..Pro o contro? 
Io aspetto sempre il vostro commentino..

Oh, e se non si fosse capito..Io sono Team Cam (ma non perchè doveva stare con Luce..doveva stare con meeee!!) 



blog

|RECENSIONE| The Familiars - A. Epstein/A. Jacobson

giugno 19, 2012

Chi non ha mai sentito parlare dei famigli?
Beh..Io..prima di leggere questo libro..

Amici cari..il libro di cui scrivo oggi è..The Familiars!!!!


Mi sono imbattuta per caso in questo libro, durante una delle mie passeggiate "casuali" in libreria.


Avevo già preso tre libri quando vedo questa bellissima copertina..




"C'è un gatto protagonista!!" ho esclamato davanti alla versione sbigottita di mio padre. 

La cosa più bella, però, è che costava poco..!! 
Cosi l'ho preso.
Come al solito.
Mannaggia a me!!

La storia mi è piaciuta subito: un gatto protagonista è insolito, specialmente se poi fa amicizia con una ghiandaia ed una rana (che di solito sono cibo, per lui..) ed ,insieme, devono cercare di salvare il mondo magico a cui appartengono..




- La trama -

Aldwyn, il micio in questione, è un piccolo randagio orfano che vive sui tetti di Bridgetower. 

Per vivere, ruba pesce e non è ben visto da nessuno.
Un giorno, però, mentre compie il furtarello giornaliero per il suo sostentamento, viene inseguito da un cacciatore di taglie. Il che spinge il gatto a scappare. Scappa e scappa, si ritrova in un negozio che vende famigli (gli animali con poteri magici che coadiuvano il loro padroncini maghi e con cui instaurano un rapporto di simbiosi). Casualità vuole che un piccolo maghetto, di nome Jack, scelga, tra miliardi di famigli, proprio il piccolo Aldwin, che non conosce nessuna magia tranne quella di scappare velocemente a zampe levate da pescivendoli e cacciatori..
Jack lo porta a Stone Runlet, alla scuola di magia di Kalstaff, che lui frequenta insieme ad altri due apprendisti maghi, Marianne, sua sorella, e Dalton ed i loro rispettivi famigli: Gilbert la rana e Skylar la ghiandaia blu.

Ma non c'è molto tempo per conoscersi, le stelle annunciano una profezia: Vastia è in pericolo e solo tre eroi potranno salvarla..


La regina Loranella, la villain di turno, rapisce i tre giovani apprendisti per ucciderli ma, un Kalstaff morente, li proteggerà con una magia: i tre ragazzi non potranno essere ne uccisi ne toccati se non al tramonto di tre giorni dopo.

Poi, il vecchio mago, affida la missione del salvataggio ai tre famigli. E muore.

Al gruppo palesemente discordante, non resta che intraprendere il lungo viaggio verso Vastia.

E tra mille insidie e pericoli, si salveranno a vicenda le vite e, pian piano, diventeranno amici.
Tutto va per il meglio tranne che per un piccolo particolare: vi ricordo che Aldwyn non conosce nulla di magia..ed i suoi accompagnatori sono convinti che sia un famiglio..sarà quando si troveranno a Maidenmere (città di cui si spaccia nativo Aldwyn, che ha per peculiarità i gatti con potere di telecinesi) che scopriranno la verità..

Ma i colpi di scena, amici cari, non finiscono qui!

Ma non ve li dico..se no che trama è??

:D



- Commento - 

Come ho già scritto, a me è piaciuto molto. Sa conquistarti e sa farti rimanere incollato alle pagine.
Poi, i colpi di scena sono tantissimi. Temi per Aldwyn, che la sua bugia sia scoperta e non vuoi che l'amicizia con la ghiandaia e la rana si spezzi..
E vuoi vedere i tre maghetti vivi, quindi speri che tutta la missione fili liscio..

Ma, quando si recano a Maidenmere, comincia il pezzo più bello e toccante del libro. 
Con tante rivelazioni..
Ed, alla fine, troneggiano imponenti i buoni sentimenti e la VERA amicizia..


Ho saputo che è in produzione un film in 3D..non vedo l'ora che esca!!


D'accordo o no? 
Scrivi il tuo commento nel box qui sotto!!


blog

Il canto della rivolta. Sì, la nostra. (Commento sull'ultimo libro della Hunger Games Saga)

giugno 16, 2012




Chiudere in fretta un libro.

Per la serie "come ti rovino una saga appassionante": Il canto della rivolta.

Peccato. Tralasciando le morti, la violenza ed il comportamento di Katniss ("sei una bella stronza, ti pare?", mai Peeta ci ha azzeccato cosi..), pare che la Collins si sia sbrigata a chiudere. Non dico che i soldi sono sprecati,per carità, ma un finale decente lo meritavamo..I personaggi superstiti che fine hanno fatto??

Per la serie "cosi è, se vi pare..": Il canto della rivolta.
Si, la nostra.

Questo è tutto quello che ho da dire sull'ultimo libro della Collins.

Copertina italiana de "Hunger Games - Il canto della rivolta"
Ma non vi sentite presi in giro, con un vuoto lasciato dall'incompletezza?

--- SPOILER ---
Johanna, che fine ha fatto? Il figlio di Finnik ed Annie come si chiama? E quelli di Katniss e Peeta? Gale, che si dice cosi innamorato, finisce per far far sua la fiaba "la volpe e l'uva", ovvero "se non ti posso avere, sei una stronza che gioca con i sentimenti di tutti". Per non parlare del depistaggio di Peeta: un gran bel personaggio che si riduce all'ombra di se stesso. E nemmeno quello.

La guerra distrugge tutto. Uccide bambini. Separa, per sempre, mariti e mogli, padri e figli. Si perde l'innocenza. Tutti crescono, tutti maturano, tutti cambiano. Diventano freddi, cinici e calcolatori. Spietate macchine da guerra pronti ad uccidere, che sussurrano un "buonanotte" nell'attesa che, almeno in parte, la consapevolezza di aver ucciso qualcuno è stata dettata da un'irrefrenabile senso di vendetta.

L'unico vanto di questa saga è che non ci sono happy end edulcorati con tanto di fatine luccicanti.
Questo finale, ti fa venire voglia di bere. Alcool. Ma anche di questo se ne parla più che abbastanza nei libri (basti pensare ad Haymitch e ti viene la nausea da superalcolici..)..
Poi, tutto il resto è silenzio..come scriveva il mio vecchio amico Shakespeare..

Non ci possiamo illudere che questa sia una saga da bambini o da ragazzini: questa è per adulti. O ragazzi che ci si stanno avvicinando. Non è la bellezza di Gale o la perfezione di Peeta o il modo di fare di Finnik a determinare il successo di un libro. E' tutto il contesto. Di come cambiano in due anni di narrazione le personalità dei nostri amici protagonisti (si..sono amici..o, nel caso in cui, come Harry Potter, la saga sia durata decenni ed abbia accompagnato molti di noi dall'infanzia alla maturità, loro diventano anche più di amici..oserei dire..Familiari!), di come la guerra contro Capitol City li faccia essere pedine di giochi di potere più pericolosi degli Hunger Games, di come hanno perso se stessi, la loro morale e la loro vita. Di come non possono più fidarsi nemmeno dei propri amici ed alleati. Di come si è soli. Perchè, a combattere nella guerra, come nella vita, si è soli. Sempre. E di come il fine non giustifica i mezzi, ma fornisce un'alibi saldo e sicuro dietro cui scomparire per non perdere la ragione.










E' tutto perfetto, tranne il finale. Ho letto in vari forum che molti sono in pieno accordo con me. Certo, sappiamo che la Collins non era molto conosciuta prima di pubblicare questi libri. Perciò non mi stupirebbe molto se gli editori, per guadagnarci più in fretta, le abbiano fatto cosi pressione da finire il libro in questo modo. E' un abbozzo, come se dovesse continuare ed invece si stoppa.

Quello che ho particolarmente amato e, forse, mi farà digerire tra qualche mese il libro, è stato la drammatica frase "quello di cui ho bisogno per sopravvivere.." e la risposta "Vero". Quello esprime, nelle ultime pagine, tutta l'essenza del cambiamento dei nostri protagonisti: non sono più loro. Quello che hanno visto e subito li hanno cambiati. E non torneranno mai uguali. Non nascondo che la giustificazione che Katniss da a se stessa è molto toccante. Forse, alla fine, l'abbozzo dell'epilogo è comprensibile. Forse, non c'è più niente da dire. Forse, non c'è cosa dire. Hanno rimesso insieme i pezzi di loro che non erano rimasti ustionati, quelli non riprodotti artificialmente da Capitol City. Ed adesso che sono mezzi ibridi e mezzi umani, che la loro coscienza è spaccata, cosi come il loro cuore, in mille pezzi, e che la loro pelle è un puzzle tra vecchio e nuovo, hanno comunque riprovato a ritrovare il vecchio io, anche se non è possibile.

Ci ho provato a recensire, benchè anche io sono molto confusa tra se farmelo piacere od odiarlo..

E, dannazione, voglio il braccialetto "mentalmente confusa" anche io, dopo questo finale..!






blog

Le fiamme dell'arte - introduzione al mio nuovo blog

giugno 14, 2012

Questa è l'ennesima sfida che mi pongo.


Ciao a tutti,

Sono Giuly, alias Moi Self (quella che, per intenderci, ha un blog sulle creazioni in paste polimeriche..).

Chi mi segue dall'altro blog, ha avuto abbastanza tempo per capire come sono fatta: ho 5 gatti, divoro  mattoni di libri in meno di tre giorni, scrivo libri, li butto nel cestino e cose cosi.

Attualmente, sono in pausa dalle mie adorate paste polimeriche ed ho deciso di scrivere. 
Finalmente sono sulla strada giusta e con una storia decente tra le mani! 

Sono anche in pausa dal lavoro, dato che è finito il periodo di stage. 
Consegnando cv a destra ed a manca, mantenendo la speranza e la calma, tiro avanti. 
E' dura. Ma ce la si fa con un buon libro tra le mani che ti tiene compagnia. 

Ad ogni modo, siccome sono stata abbastanza stressante nell'altro blog, vi risparmio la crudeltà di leggere le mie pazzie (andate qui per leggere la mia presentazione e qui per scoprire quanto sono innamorata dei libri e della scrittura). 

Vi aggiungo dei particolari, però: le fiamme vi ricordano qualcosa? 
Beh, se avete letto Hunger Games, è più che ovvio.  
Katniss, la ragazza in fiamme. 

Da qualche settimana, è anche il mio soprannome..
Tutto deriva dall'ignoranza di chi ci circonda. 
Concedo che non conoscere la saga non sia un dramma (non la conoscevo nemmeno io qualche mese fa..lo ammetto!!) ma arrivare a fare certi discorsi in un centro commerciale rasenta la follia.

Qualche settimana fa, dopo aver finito Hunger Games, ho deciso che volevo, istantaneamente, comprare gli altri due libri per porre fine alla mia agonia da lettrice avida. Andando al reparto libri sito all'interno dell'ipermercato del centro commerciale, cercai e ricercai. Ricerca finita con zero copie nelle mie braccia pronti per essere pagati. Infuriata, cerco l'addetto. Nessuno. Ancora più infuriata. Quando ne vedo uno con la divisa. Lo blocco immediatamente e, anche se mi dice di non essere di quel reparto, gli spiego ugualmente che sto cercando un libro, "La ragazza di fuoco". 
Lui, per tutta risposta, mi risponde un estasiato - Addirittura..! 
Faccio finta di non aver letto nella sua espressione da ebete qualcosa di non molto professionale e continuo. Gli spiego che l'ho cercato ovunque ma non l'ho trovato. 
E lui risponde con qualcosa che mi lascia basita: - Anche io ho cercato, ma non l'ho trovato. Però ho trovato te.. 
Bene. Avete visto cosa mi tocca sopportare? 
Rimorchiare cosi è davvero squallido anche per il più squallido dei predatori. Troppo facile, troppo stupido. Troppo.
Fingo indifferenza verso quella allusione: ci manca solo lui nella mia vita. Poi arriva mio padre e mi salva da quella situazione. Ma il bello è che, non sapendo da quale reparto provenisse, non ho fatto attenzione, la settimana dopo, a dove andavo. Me lo ritrovo al reparto televisori. Il suo reparto. Il mio reparto preferito, senza lui
Non vi dico cosa ha combinato quando mi ha vista che osservavo le tv. Stava per cadere dalla scala e stava per rovesciare una pila di scatoloni ordinati accanto a delle stupende reflex. 

Da quando l'ho raccontato alla mia migliore amica, sono diventata "La ragazza di fuoco". 

In effetti, lo sono sempre stata, ma non nel senso che ha capito quel pazzo. E nemmeno nel senso del libro. In me arde il fuoco della vita e della passione. La voglia di voler scrivere mi ha aiutata molto in tutta la mia vita. Passione per l'arte, s'intende!

Comunque, dopo aver stressato ed annoiato gran parte dei miei nuovi lettori, vi spiego di cosa di occupa questo blog. 

E' stato concepito principalmente per parlare di libri. 
Ogni post sarà dedicato ad un libro o, qualora fosse una saga già completa, di tutto il complesso. 

Naturalmente, adoro le risposte. 
Annegatemi, nei prossimi giorni, di commenti. 

Adesso chiudo. 
Preparo tutto per il prossimo post. 

Ah, e se non si fosse capito, sono single.

NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Seguimi su Facebook

creative commons

About Me

Facebook