|REVIEW PARTY| Slender Man - Anonymous

ottobre 30, 2019











Lauren Bailey è scomparsa. Mentre i suoi amici si disperano e la polizia la cerca freneticamente, Matt Barker, suo compagno nella scuola più esclusiva della città, comincia a sognare alberi minacciosi, cieli in tempesta e qualcosa di oscuro che si avvicina sempre di più. Una figura terrificante, alta, con lunghe braccia, si fa largo nel confine fra realtà e incubo. Un confine che giorno dopo giorno si fa sempre più sottile, fino a scomparire... La leggenda urbana di Slender Man, nata dai sussurri della rete, ha ispirato questa storia inquietante e piena di suspense, che in un crescendo di tensione porterà il lettore a trovarsi a faccia a faccia con la figura mostruosa, senza faccia e dalle braccia e gambe lunghissime, che fa scomparire le persone dopo aver funestato i loro sogni.













Matt frequenta l'istituto più esclusivo della città, ma come sempre non è tutto oro ciò che luccica: Lauren è scomparsa, tutti la cercano e lui sogna qualcosa di strano.
Qualcosa che ha a che fare con foreste buie e lugubri, un essere altissimo dalle lunghe braccia e gambe e dei tentacoli...


Tramite una narrazione che ricorda come impostazione la celebre trilogia degli Illuminae Files - pagine di diario, annotazioni, verbali di colloquio della polizia, chat, lettere, mail, referti psichiatrici, trascrizioni di registrazioni audio, estratti di romanzi -, si snoda la storia di Slender Man, l'unica autorizzata sulla leggenda che terrorizza il mondo dal 2009.


Purtroppo il nostro Anonymous non è riuscito nell'intento di creare qualcosa di realmente spaventoso, essendo Slender Man un mostro visivo che compare quando meno te lo aspetti. Nulla della sua peculiarità o dei motivi per cui compie questi gesti traspare in questo libro - quasi quasi neanche la sua stessa presenza - che sembra un voler per forza far spaventare con le deduzioni ma, invece, tutto ciò che traspare è soltanto un ragazzo friendzonato, bullizzato, con manie di eroismo e una vocazione per la scrittura che va dalla psicanalista.


Quando si vuole cavalcare l'onda del successo di un fenomeno mondiale a cui sono seguite molte opere derivate (giochi per pc e smartphone - ricordiamo la celebre saga di Slender Man, quella dedicata a Slendrina, i giochi costola Granny e Granny chapter two - , fanfiction, film), si deve stare attenti nel creare storie creepypasta che sembrano più fanfiction su Nightmare con tanto di Freddy Kruger privato di artigli che non il vero Slender Man, fautore dei maggiori jump scare nei giocatori affezionati alla serie.


Slender Man è, dunque, un libro scorrevole che si termina in un'ora, con una copertina stupenda, perfettamente adatto a tutti i tipi di lettori e che più di un giallo non è, perfettamente consapevole delle lacune e dei buchi narrativi - specialmente nella parte finale - e del fatto che sembri davvero una storia postata su Reddit.
E, non è da escluderlo, nemmeno la migliore.





Recensione a cura di:








Non perdere nessun aggiornamento sui prossimi post:









Si ringrazia la CE Harper Collins per l'invio del libro cartaceo





You Might Also Like

0 commenti

Mi piace sapere cosa ne pensano i miei lettori <3

Vi aspetto nei commenti ;)

NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Seguimi su Facebook

creative commons