NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Lettori fissi

|RECENSIONE| Amletu - Alessio Patti





AMLETU
LA TRAGICA STORIA DI LU PRINCIPI DI DANIMARCA 

di
William Shakespeare

Traslazione di Alessio Patti








Editore: Photocity.it
Data di Pubblicazione: 2017
Formato: copertina flessibile


Pagine: 236





Tutta la Danimarca è in lutto: il re è morto in circostanze misteriose e suo figlio, il principe Amleto, non si dà pace. 
Soprattutto quando la madre Gertrude, dopo appena un mese, accetta di sposare il nuovo sovrano, Claudio, fratello del defunto re. 
Amleto tenta invano di reprimere l'indignazione e gli orribili dubbi che lo tormentano, finché una notte, sulle antiche mura di Elsinore, non si ritrova faccia a faccia con lo spettro del padre. 
E con una verità agghiacciante, che avrà conseguenze devastanti sulla sua vita e sul destino del regno. 
La giustizia, la vendetta, il dubbio e la follia nell'immortale capolavoro di William Shakespeare, tradotto in Lingua Poetica Siciliana da Alessio Patti.



















La tragedia di Amleto, il Principe di Danimarca che si finge pazzo per smascherare l’omicida del padre, suo zio Claudio, è tra le Opere drammaturgiche più famose al mondo del Bardo e vanta innumerevoli adattamenti cinematografici e teatrali.
Il capolavoro di Shakespeare è stato tradotto in quasi tutte le lingue esistenti e, dal 2017, anche in Lingua Poetica Siciliana dal poeta, traduttore, commediografo e drammaturgo siciliano Alessio Patti.



Alessio riesce, tramite la lingua dei padri siciliani, a conferire all’Opera di Shakespeare nuovi toni di incisiva drammaticità, donandogli il plus dell’espressività della lingua siciliana.
Un testo di inestimabile valore, da cui traspare tutto l’amore del Traslatore per la cultura e per la Patria natia.



Di seguito l'estratto più famoso, il soliloquio di Amleto (Atto terzo, Scena prima):



Essiri o non essiri (soliloquio)

Essiri o non Essiri, chista è la custioni: 
sidd’è chiù nòbili ni l’anima suppurtari 
li colpi di ciunna e li saitti di la nciuriusa furtuna 
o mpugnari l’armi contru a ’n mari d’affanni 
e risistennuci daricci fini? Mòriri, dòrmiri - 
nent’àutru; e cu ’n sonnu mèttiri fini 
a lu duluri di lu cori e a li milli subbugghi naturali 
chi la carni ricivi; chissa è na fini di disiddirari a manu junti. 
Mòriri, dòrmiri. Dòrmiri, forsi sunnari, sì, è ddocu lu mpidugghiu. 
Pirchì nti ddu sonnu di morti quali sonni ponnu vèniri, 
allibbirtati chi semu di stu ntricu murtali, 
n’ha fari addimurari; eccu lu scrùpulu 
chi renni la svintura accussì longa. 
E dunca cu’ vulissi suppurtari li zuttiati e l’abbuffuniati di lu tempu, 
lu tortu di lu tirannu, la nciùria di l’omu superbu, 
li spàsimi di l’amuri disprizzatu, l’addimurari di la liggi, 
la nsullenza di li carichi ufficiali, e lu disprezzu ca lu mèritu pacinziusu ricivi di li vastasi, 
quannu si putissi iddu stissu dari abbentu cu na punta di ’n pugnali? Cu’, stancu, vulissi purtari trùsci, 
jittannu jastimi e sudannu, sutta a lu pisu di na vita, 
siddu non fussi lu tirruri di qualchi cosa doppu la morti, 
di lu scanusciutu paisi d’unni nuddu viaggiaturi fa ritornu, mbrogghia la vuluntà, e vulinteri ni fa suppurtari ddi mali chi già avemu chiuttostu chi ricùrriri ad àutri chi scanuscemu? 
Accussì la cuscienza ni renni tutti vili, 
e accussì lu culuri naturali di lu curaggiu è rinnutu fraccu di la pallida ciamma di lu pinseru, 
e li mprisi di granni àutizza e mumentu pi sta ragiuni tràvianu di lu so cursu 
e pèrdunu p’ansina lu nomu di azioni.




Essere o non essere (soliloquio)

Essere, o non essere, questa è la domanda:
se sia più nobile per la mente patire
i colpi e i dardi dell’atroce fortuna
o prendere le armi contro un mare di guai
e resistendovi terminarli? Morire, dormire –
niente più; e con un sonno dire fine
all’angoscia e ai mille collassi naturali
che la carne eredita; questo è un compimento
da desiderarsi devotamente. Morire, dormire.
Dormire, forse sognare, ah, è qui l’incaglio.
Perché in quel sonno di morte quali sogni sopravvengano,
liberati che ci siamo di questa spirale mortale,
deve farci indugiare; ecco il riguardo
che rende la calamità così longeva.
Perché chi sopporterebbe le scudisciate e gli scherni del tempo,
il torto degli oppressori, l’ingiuria del presuntuoso,
gli strazi di un amore disprezzato, il ritardo della legge,
l’insolenza delle cariche ufficiali, e i calci
che il merito paziente si prende dagli indegni,
quando potrebbe darsi da solo la sua pace
con un semplice pugnale? Chi si caricherebbe di fardelli,
per grugnire e sudare sotto una faticosa vita,
se non fosse per il fatto che il timore di qualcosa dopo la morte,
l’inesplorato paese dal cui confine
nessun viaggiatore ritorna, confonde la volontà,
e ci fa tollerare quei mali che abbiamo
piuttosto che ricorrere ad altri a noi ignoti?
Così la coscienza ci rende tutti vili,
e così la tinta naturale della risoluzione
è ammorbata dalla pallida sfumatura del pensiero,
e le imprese di grande elevazione e momento
con questo sguardo deviano i loro corsi
e perdono il nome di azione.







Con la prefazione di Antonino Magrì (poeta e scrittore) il volume si divide nella traslazione dell’Amleto e della traduzione in Lingua Italiana a cura di Marco Vignolo Gargini.









Recensione a cura di:







Non perdere nessun aggiornamento sui prossimi post:













 Segui "La Soffitta dei Libri Dimenticati" anche su Youtube e non perderti tutte le puntate di "ADOTTA L'EMERGENTE"



ISCRIVITI AL CANALE YT








Trovate tutti gli aggiornamenti sulle mie letture su GoodReads




AGGIUNGIMI GU GOODREADS







Se sei un frequentatore abituale del mio blog e ritieni utile il lavoro che svolgo, considera l'ipotesi di fare una donazione libera a sostegno del mio impegno 


DONAZIONE LIBERA
BUY ME A KO-FI









5 commenti:

  1. Ciao😊 ti ringrazio per l'articolo, ma non so se è proprio il mio genere.. .

    RispondiElimina
  2. Mi inquieta un pochino, non so il perchè ahahah!

    RispondiElimina
  3. io te lo consiglio, magari poi scopri che ti piace!

    RispondiElimina
  4. Io adoro Amleto, questa traduzione mi intriga però non capisco il siciliano😆

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensa la gente di quello che dico..
Avanti..COMMENTATEEEE!!!!! :D

Pro o contro??