NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Lettori fissi

|RECENSIONE| Cinquant'anni dietro la macchina da presa - Sergio D'Offizi/Gerry Guida








CINQUANT'ANNI DIETRO LA MACCHINA DA PRESA

di
Sergio D'Offizi (con Gerry Guida)








Editore: Effepi Libri
Data di uscita: 2015
Pagine: 160


Prezzo









La carriera di Sergio D'Offizi, con i suoi 117 film fotografati, attraversa oltre mezzo secolo di cinema e questo libro ne ripercorre le tappe fondamentali. Già operatore di riferimento del cinema western italiano del periodo d'oro, D'Offizi legherà il proprio nome a quello di Alberto Sordi che lo vorrà con sé per più di quindici anni a curare la fotografia di molti suoi film. Il rapporto con Sordi costituisce la parte centrale del volume, ma non mancano ricordi e aneddoti su altri film e registi, Loy, Troisi, Scola, Corbucci e diversi altri, oltre a interessanti considerazioni sul ruolo della fotografia cinematografica. Ad arricchire il libro le testimonianze di attori e collaboratori che hanno lavorato nel corso degli anni con lo stesso D'Offizi.
























I fotografi sono artisti della luce, giocano con le ombre per ottenere un’immagine perfetta e che mantenga la propria emozione intatta nel tempo.
Questo volume racchiude l’essenza di un direttore della fotografia, la cui carriera si è basata sul  creare la luce perfetta dei film più amati in Italia, dalla nascita alla notorietà.


La struttura atipica del libro scandisce il ritmo della narrazione, quasi fosse essa stessa un film.



Titoli di testa: Sergio D’Offizi nasce nell’accecante luce estiva del 1934, figlio di un ispettore che cura l’organizzazione e la logistica della lavorazione dei film.
Parla dei ricordi legati alla guerra, alle difficoltà lavorative post-conflitto bellico, dei suoi primi lavori al fianco del padre negli studi di Cinecittà, fino ad essere ingaggiato da solo come assistente per i primi film western. Questo finché Nanni Loy non lo prese con sé, nel 1971.



Primo Tempo: un capitolo legato al grande Alberto Sordi.
Anni di viaggi, film ed aneddoti divertenti sul talentuoso attore/regista che, con D’Offizi, instaurò un’amicizia sincera ed una stima profonda.



Intervallo: in questo capitolo, Sergio D’Offizi spiega il suo rapporto con la fotografia e la luce, l’arte nascosta ma fondamentale di giocare con le ombre, per valorizzare la scena e gli attori, dicendo che “ogni situazione ha la sua luce” (in quanto gioia e dolore, per rendere, non possono avere la stessa illuminazione); Racconta della preziosa collaborazione degli altri della troupe che compongono il cast tecnico, la difficoltà di adattarsi alla visione del regista (che spesso lascia liberi gli operatori, ma a volte essi si devono attenere a delle precise direttive) e del progresso che ha rivoluzionato il mondo del cinema (l’annosa lotta dell’analogico vs. digitale)



Secondo Tempo: è interamente dedicato ai registi con i quali ha collaborato.
Tra tanti nomi e relative descrizioni, spiccano: Steno, Nanny Loy, Massimo Troisi, Mario Monicelli, Damiano Damiani, Ugo Tognazzi e Lucio Fulci.



Titoli di coda: in questo capitolo è presente un’interessantissima intervista, a cura di Gerry Guida, in cui viene chiesto a D’Offizi, tra le tante domande: se avesse mai pensato di passare alla regia, con quale genere cinematografico si è sentito a suo agio, quali attori (italiani e stranieri) gli sono rimasti nel cuore, se il digitale ha influenzato il suo lavoro, quale film da lui illuminato preferisce e con quale regista avrebbe voluto lavorare.




Il volume è arricchito con delle fotografie che ritraggono D’Offizi insieme a registi e star e con le testimonianze degli attori e degli addetti ai lavori che hanno avuto l’opportunità di lavorare con lui, che raccontano curiosità sulla sua persona e sul suo modo di vedere la vita.
Chiudono il volume le considerazioni finali, seguite da una Breve Antologia Critica, un elenco dei Premi e delle Nomination e la filmografia di Sergio D’Offizi.



Con un linguaggio chiaro, semplice e pulito, D’Offizi rende partecipe il lettore della sua vita e di questo lungo “viaggio” di lavoro, durato cinquant’anni, e popolato da ben 117 film che hanno fatto la storia del cinema Italiano, contribuendo alla riuscita delle pellicole ed al divertimento del pubblico.
In un mondo dove ancora il digitale non esisteva, Sergio D’Offizi ha lavorato nell’ombra per portare alla luce i significati profondi dei film a cui ha lavorato.
Senza dubbio, il direttore della fotografia cinematografica è uno dei lavori più difficili ma  fondamentale per le scene perché, così come le fotografie, se non sono ben illuminate non hanno lo stesso impatto emotivo.
Perché la fotografia è l’anima di un film.




Una biografia sicuramente consigliata a chi ama la settima arte in tutte le sue sfaccettature, ai fotografi che conoscono bene l’odi et amo verso la luce (leitmotiv ricorrente nel settore e che sicuramente, in molti passaggi, gli artisti della luce non faticheranno ad immedesimarsi), a chi piacciono i retroscena e gli aneddoti sui grandi registi ed attori degli anni scorsi ed a tutti quelli che amano leggere storie vere, appassionanti, piene di vita ed amore.
















Recensione a cura di:









Non perdere nessun aggiornamento sui prossimi post:











 Segui "La Soffitta dei Libri Dimenticati" anche su Youtube e non perderti tutte le puntate di "ADOTTA L'EMERGENTE"



ISCRIVITI AL CANALE YT








Trovate tutti gli aggiornamenti sulle mie letture su GoodReads




AGGIUNGIMI GU GOODREADS







Se sei un frequentatore abituale del mio blog e ritieni utile il lavoro che svolgo, considera l'ipotesi di fare una donazione libera a sostegno del mio impegno 


DONAZIONE LIBERA
BUY ME A KO-FI






Si ringrazia la CE Effepi Libri per l'invio del libro cartaceo.





Nessun commento:

Posta un commento

Mi piace sapere cosa ne pensa la gente di quello che dico..
Avanti..COMMENTATEEEE!!!!! :D

Pro o contro??