NEWS: Ogni giorno tante novità! Aggiungici ai LETTORI FISSI e seguici sui social per non perdere nessun aggiornamento!

Lettori fissi

|RECENSIONE| Awaken - Barbara Bolzan





AWAKEN

di
Barbara Bolzan








Editore: Delrai Edizioni
Data di Pubblicazione: 2017
Formato: ebook/copertina flessibile


Pagine: 590










La principessa di Temarin è sopravvissuta e non è più disposta a rinunciare a sé stessa.
Rya non smette di combattere e lotta, c'è ancora una speranza a tenerla in piedi. La verità ferisce, l’inganno trama ancora, e gli incubi tornano la notte a tormentarla, ricordandole cosa è stata e cosa non sarà mai. E l’amore non è per lei, che ha scelto di legarsi a un uomo i cui impulsi sono più forti di qualsiasi sentimento. 
Ma c’è ancora una battaglia da combattere, quella definitiva, che la porterà a una vittoria schiacciante. Tuttavia non è semplice per chi ha amato stravolgere la propria identità e mettersi di fronte al segreto svelato, perché non c’è crudeltà peggiore che cercare traditori tra coloro che ami e di cui ti fidi. 
Ma l’esistenza è così, colpisce dove meno te l’aspetti.
Nessun dolore, per quanto sordo, può sopraffare il sentimento totalizzante d’amore che Rya prova per Nemi.

Il capitolo conclusivo della Rya Series scritto dalla brillante penna di Barbara Bolzan. 
L’uomo può toccare il fondo con le sue azioni, ma la realtà è che può scegliere, ed è la scelta a fare di noi quello che siamo.

Un universo pieno di stelle tutto da esplorare e riesce a far diventare ogni istante un piccolo momento di perfezione.  




Quanta forza ci vuole per confessare il proprio amore a qualcuno? 
Credetemi: più di quanta ne serva per uccidere un uomo.
Ma scoprii che potevo scegliere di voltare le spalle e non vivere di rancore. 
Non era un essere perfetto. Be', neppure io lo ero.
Era qualcosa con cui potevamo convivere.

























Cosa succede quando, finalmente, si tolgono le maschere?

Awaken è questo: la resa dei conti.

Rya e Nemi, così diversi eppure così simili nelle loro disgrazie familiari.
Uniti nel dolore di una famiglia che non li ha mai accettati per quelli che erano.
Loro che sono stati solo usati per convenienza e visti come zavorre perché non sono mai scesi a compromessi.
O meglio: sono scesi a compromessi, ma non per quello che gli era stato comandato.
Hanno usato il cuore, hanno lottato per trovare sé stessi e per rinascere.




Ho provato una pena assurda per questi due personaggi che, dopo quattro libri, sono ormai diventati un po’ parte di me.
Non è difficile immedesimarsi in loro, nella loro voglia di compiacere i rispettivi fratelli, con l’onore della casata da difendere eppure…pensarla diversamente ed agire a modo loro.
Sono fiera dell’evoluzione di Rya, una principessa cresciuta all'ombra della perfetta sorella e che non ha mai avuto idee sue fino a che, con un colpo di testa fugge per gioco dal castello in Fracture (leggi qui larecensione), cadendo giù in Sacrifice (leggi qui la recensione) e precipitando più giù in Deception (leggi qui la recensione) fino alla completa maturazione nel libro conclusivo, Awaken.
Adesso che la trama è completa posso esprimere un mio giudizio su tutta la saga: ho trovato che il tema portante della serie sia un voler evidenziare quanto la nostra vita sia condizionata dagli insegnamenti della famiglia e quanto ci facciamo in quattro per non deludere chi amiamo; che dietro le distruzioni ed il fuoco greco vi sia la devastazione dell’animo umano; che dietro l’opulenza e la ricchezza materiale apparente vi siano i veri castelli, quelli di carta che celano aridità, povertà di sentimenti e profonda vigliaccheria.
La forza della Rya Series è nei personaggi: dietro ognuno di loro, magistralmente caratterizzato, si trovano le forze e le debolezze umane, ci si trova a soffrire con Rya e Nemi, a volerli abbracciare per l’ennesimo rifiuto e per l’ennesima bugia che gli è stata propinata.
Gli occhi del cuore sono diversi dagli occhi della razionalità, e Rya lo scopre solo dopo essersi svincolata dall’influenza della sua famiglia, tramite dolori e rimpianti indicibili.
Un detto della mia città dice, tradotto dal dialetto: “Nessuno si prende, se non si somiglia” ed è proprio quello che ho pensato per tutti e quattro i libri fino all’epilogo della coppia reale Alsisia & Strevj.
Quindi non mi ha stupita per nulla la conclusione: a mio personalissimo parere era la giusta fine per due personaggi che, dietro la facciata di perfezione, sapevano celare il marcio.




Il lieto fine non esiste, non esistono le favolette della buonanotte, non esiste nulla che non sia il chiudere gli occhi e rivivere l’orrore, accettarlo e provare ad andare avanti con il peso dei propri rimpianti e delle proprie colpe.
Sarà dura lasciare Rya, Nemi e la piccola Roxile per sempre, perché ormai sono come di famiglia.
Dopo tanta sofferenza, vogliamo lasciargli la giusta privacy per ricominciare, per provare a superare i loro drammi, e chiuderemo l’ultima pagina augurandogli buona fortuna.
 



Concludo la recensione con le parole di Barbara, con la speranza di trovare un motivo in più per lottare ed essere noi stessi, contro tutto e tutti.


“Alzatevi in piedi e parlate, fate sentire la vostra voce, anche quando credete che non ci sia nessuno in ascolto. Combattete per ciò che siete e per ciò in cui credete. Trovate sempre una ragione per amare e per ribellarvi a chi vi vorrebbe conformi alla massa. Siate principi e principesse del Regno che ogni giorno costruite con le vostre mani.”



















Recensione a cura di:










Non perdere nessun aggiornamento sui prossimi post:











 Segui "La Soffitta dei Libri Dimenticati" anche su Youtube e non perderti tutte le puntate di "ADOTTA L'EMERGENTE"



ISCRIVITI AL CANALE YT








Trovate tutti gli aggiornamenti sulle mie letture su GoodReads




AGGIUNGIMI GU GOODREADS







Se sei un frequentatore abituale del mio blog e ritieni utile il lavoro che svolgo, considera l'ipotesi di fare una donazione libera a sostegno del mio impegno 


DONAZIONE LIBERA
BUY ME A KO-FI












2 commenti:

  1. Mi hai commossa. Dico davvero, sei riuscita, con le tue parole, a emozionarmi più di quanto io riesca a esprimere.
    Grazie di cuore!
    Il punto finale in cui consigli di lasciare a Rya e Nemi la meritata privacy corrisponde perfettamente al mio pensiero.
    Voglio poter sognare, immaginare cosa riusciranno a fare della vita che si sono costruiti, pietra su pietra.
    E grazie anche per aver citato quella particolare frase tratta dai ringraziamenti finali! <3

    RispondiElimina
  2. Cara Barbara ti ringrazio!
    Sono felice che la mia recensione ti sia piaciuta e concordo con te sul senso dell'epilogo...riusciranno a sopravvivere e saranno migliori.
    Sono io a dover ringraziare te per quell'incoraggiamento: le tue parole mi hanno aiutata tantissimo a trovare la voce dopo anni di silenzio <3

    RispondiElimina

Mi piace sapere cosa ne pensa la gente di quello che dico..
Avanti..COMMENTATEEEE!!!!! :D

Pro o contro??